P-Lab Scuola di Comunità, il 2° incontro.

Casamassima 23 e 24 aprile 2015 - Via Roma - Palazzo Monacelle


Il secondo incontro della Scuola è dedicato ad aprire un confronto sui futuri desiderabili
della PEUCEUTIA ed ad identificare idee e proposte da sviluppare nei prossimi incontri
della Scuola. Durante i lavori approfondiremo la conoscenza del metodo EASW –
European Awareness Scenario Workshop, una metodologia partecipativa messa a
punto dalla Commissione Europea e particolarmente adatta a ragionare di sviluppo
locale sostenibile.

GLI SCENARI FUTURI COME STRUMENTO DI PROGRAMMAZIONE
LO SCENARIO WORKSHOP (EASW)

Chi si occupa d'interventi e progetti di sviluppo locale si trova spesso a dover progettare coinvolgendo altri attori e soggetti che saranno chiamati poi a contribuire allo sviluppo di progetti ed iniziative. Fare questa operazione non è sempre facile: chiunque si sia trovato a lavorare in questo modo sa che a volte può essere molto complicato condividere obiettivi e sviluppare strategie comuni.
Proprio per facilitare questo lavoro la Commissione Europea ha messo a punto, nel corso dei suoi programmi di ricerca ed innovazione, alcune specifiche metodologie che possono aiutare il lavoro di gruppo ed il coinvolgimento degli stakeholders.

Tra queste lo scenario workshop (EASW) si è rivelato uno strumento particolarmente adatto a costruire, in modo relativamente semplice e rapido:
• una analisi condivisa del contesto in cui si deve intervenire;
• un set di obiettivi di fondo da perseguire;
• la messa a punto di idee progetto su come realizzarli.

23 aprile

PROGRAMMAZIONE PER SCENARI: LO SCENARIO WORKSHOP (EASW)

9.00 Introduzione ai lavori
9.15 Il ruolo degli scenari nella progettazione di interventi con particolare riferimento al tema
       dello sviluppo locale sostenibile
10.00 La prima sessione di lavoro con la metodologia EASW: lo sviluppo di scenari negativi e
         positivi per la Peceutia
11.30 Pausa caffè
11.45 Dai singoli scenari allo scenario comune condiviso
12.30 Riflessioni sul metodo
13.00 Pausa pranzo
14.00 Dalle visioni alle idee: come usare le visioni per costruire un parco progetti
14.30 La raccolta di proposte con la metodologia EASW
15.45 La scelta delle priorità di intervento
17.00 Fine lavori

Docente/Facilitatore
È Gerardo de Luzenberger. Gerardo è un facilitatore professionista certificato dall'Associazione
Internazionale facilitatori. Fondatore della Scuola Superiore di Facilitazione e della Genius Loci, ha
un'esperienza ventennale nella costruzione di percorsi partecipati, nella facilitazione e moderazione di gruppi di lavoro e nella formazione all'uso delle principali metodologie partecipative. Nel 1996 è stato riconosciuto dalla Commissione Europea come NATIONAL MONITOR – esperto della metodologia EASW.
Materiali didattici

Ciascun partecipante riceverà copia in formato elettronico del manuale della commissione europea sulla metodologia EASW.
N.B. I gruppi di progetto a conclusione della giornata, stabiliscono un piano di incontri per il giorno successivo, dedicato agli approfondimenti organizzativi. I referentinominati dai gruppi partecipano alle sessioni in piccoli gruppi del giorno successivo, il 24 aprile.

24 aprile a Casamassima

Come far partire i Project Work
Andrea Gelao e Antonio Massari affiancano ed istruiscono, in sessioni consecutive, i
gruppi partecipanti, fornendo strumenti_ di progettazione e criteri per il consolidamento
dei team di lavoro.
Obiettivi: Istruire i referenti dei gruppi di lavoro sulle modalità con cui portare avanti lo
sviluppo delle idee progettuali, analizzare i punti di caduta del processo di
approntamento della progettazione e formula strategie risolutive da attuare nelle
settimane a seguire.

Modulo di riferimento: Il Project Work

Ore 9,00 Avvio delle sessioni di gruppo consecutive per progetto .
Ore 17,00 Chiusura

Per info:

www.peucetia-lab.it -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Categoria: Notizie