Il 5 maggio inaugurazione della mostra dedicata a don Sante

Appuntamento di rilevanza internazionale. Previsti anche eventi collaterali

‘Uomo eterno pellegrino. Errare incerto nella contemporaneità’.
E’ questo il titolo della mostra internazionale di arte contemporanea che sarà inaugurata a Casamassima, a palazzo Monacelle, nella centralissima via Roma, il 5 maggio prossimo alle 18.30.
L’appuntamento, che vedrà in esposizione a Monacelle le 16 opere finaliste del premio ‘Don Sante per l’arte contemporanea’ è organizzato dalla fondazione Monsignor Sante Montanaro, ed è curato dalla curatrice d’arte Luna Pastore, dal critico d’arte Giuliana Schiavone, e dall’artista Luisa Valenzano.
Il comitato scientifico che si è occupato della selezione delle opere finaliste, invece, è composto dalla docente di storia dell’arte, Enrica Dardes, dal curatore della fondazione Museo Pino Pascali, Antonio Frugis, dal docente Aba Lecce e critico d’arte, Roberto Lacarbonara, e dal dottore di ricerca e storico dell’arte, Nicola Zito. Il comitato d’onore inoltre, che ha avuto il compito di visionare la mostra, è formato da personalità che hanno conosciuto don Sante, condividendone l’amore per l’arte: gli artisti Tommaso Fiermonte, Tony Prayer e Giuseppe Rizzi, l’artista e gallerista Donato Pace, e il collaboratore di don Sante in occasione delle mostre da lui organizzate, Leonardo Verna.

Gli artisti finalisti del premio e le cui opere saranno in esposizione, selezionati tra oltre 160 candidature arrivate a Casamassima da Italia, Albania, Belgio, Bielorussia, Bolivia, Brasile, Cina, Croazia, Iran, Lettonia, Polonia, Russia, Spagna, Svizzera e Uzbekistan, sono Edoardo Abruzzese, Alessandro Alghisi, Nilo Australi, Francesca Candito, Flavia Canè, Giovanni Cangemi, Anxhela Danushi, Massimo Della Latta, Francesco Finotti, Benna Gaean Maris, Irene Gittarelli, Xiaojing Ma, Marta Naturale, Maria Pierno, Enrico Pierotti e Sara Zaghetto.

La mostra, dopo il taglio del nastro del 5 maggio, resterà aperta al pubblico (ingresso libero) fino all’11 settembre 2017, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30, e il sabato e la domenica, dalle 18.30 alle 21.30.
La manifestazione inaugurale sarà introdotta da un concerto a mandolini a cura del conservatorio Niccolò Piccinni di Bari, mentre l’orchestra a plettro sarà guidata dal maestro Mario Squillante. Interverranno alla cerimonia di apertura della mostra il sindaco di Casamassima, Vito Cessa, l’assessore alla cultura, Giuseppe Cupertino, la presidente della fondazione Monsignor Sante Montanaro, Nica Ferri, oltre ai componenti dei comitati curatoriale, scientifico e d’onore. Modererà la giornalista Marilena Rodi.

L’evento coincide anche con l’iniziativa nel centro storico, a cura della Pro Loco di Casamassima, ‘#invasionidigitali’: sarà pertanto possibile visitare e scattare fotografie all’interno della mostra e di palazzo Monacelle, sede a inizio Ottocento di un importantissimo conservatorio del sud Italia.
L’evento si concluderà con l’esibizione musicale della giovane Donatella Spinelli, già protagonista del Leon d’Oro di Venezia.

La mostra e il premio don Sante (al vincitore andrà un riconoscimento di 1.000 euro) saranno affiancati anche da un’iniziativa collaterale, con altre opere in esposizione nella parrocchia Santa Croce, la chiesa Madre, e in diverse attività cittadine.
Qui troveranno spazio opere degli artisti Angela Catucci, Rosa Consalvo, Antonio Giannini, Francesco Paglialunga, Freddy Sanchez Espinoza e Poorya Sarhadi.     

Categoria: Notizie