ACQUA: RISPARMIARE DI PUO'!

Avviata la campagna di AQP per un uso consapevole della risorsa idrica

L’oculata gestione delle risorse idriche è una regola fondamentale che deve giocoforza essere sempre presente in ogni stagione dell’anno solare.

Le attuali condizioni di perdurante siccità e la ridotta disponibilità idrica alle fonti, unite ai consumi in crescita, dettati dalle alte temperature e dall’aumento delle presenze turistiche in Puglia, impongono grande attenzione e misure di prevenzione che coinvolgono tutti, ancor più meticolose.

E’ così che prende avvio “Acqua: risparmiare si può”, la campagna di Acquedotto Pugliese che promuove un uso corretto e consapevole dell’acqua, finalizzato alla riduzione degli sprechi.

Dieci semplici regole, sinteticamente elencate nel manifesto scaricabile in questa pagina, per un uso responsabile dell’acqua sono il cuore della campagna di informazione ideata da Acquedotto Pugliese, con il Patrocinio dell’Assessorato alle Opere Pubbliche della Regione Puglia e l’Autorità Idrica Pugliese.

  • Preferire la doccia al bagno,
  • azionare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico,
  • lavare i piatti riempiendo il lavello della giusta quantità di acqua,
  • innaffiare le piante di sera,
  • chiudere i rubinetti mentre ci si lava i denti.

Tutti piccoli, significativi, gesti quotidiani, che possono contribuire a preservare la risorsa di un bene preziosissimo come l’acqua.

Una parte assolutamente attiva è quella costituita dai sindaci i quali, con appositi provvedimenti sul contenimento dei consumi, possono contribuire alla diffusione di una “educazione civica” sull’oculata gestione dell’acqua.

Oltre al beneficio economico, questa volta l’obiettivo è di risparmiare una risorsa ancora più preziosa del denaro, l’acqua, soprattutto in questo particolare momento di scarsità. “Per rendere disponibile l’acqua ai cittadini – ricorda il Presidente di AQP, Nicola De Sanctis – dobbiamo prelevarla da altre regioni, potabilizzarla attraverso processi industriali raffinati ed onerosi e trasportarla per migliaia di chilometri, fino a raggiungere l’utente finale. Un bene, dunque, tanto prezioso quanto delicato e fragile che necessita di essere preservato e protetto da ogni singolo cittadino. Quindi, è nel senso di responsabilità di tutti (delle istituzioni, dei gestori, degli agricoltori per gli usi irrigui, delle industrie e dei semplici cittadini) adempiere a tale compito, soprattutto in questo momento particolarmente delicato”.

LE 10 REGOLE D'ORO - Scarica la locandina

Categoria: Notizie