Festa dei popoli

Popoli in festa sabato 8 giugno 2013 in piazza Plebiscito a Gioia del Colle dalle 18 a mezzanotte

Secondo anno di attività del centro interculturale Incontrarsi a Sud e seconda edizione di Festa dei Popoli. Si rinnova l'appuntamento interculturale promosso in sinergia con rappresentanti delle collettività di immigrati presenti nei comuni dell'Ambito territoriale sociale Gioia del Colle, Casamassima, Turi e Sammichele.

Più di duemila gli immigrati che vivono nei quattro comuni, la metà dei quali è a Gioia del Colle. La nazionalità più rappresentativa è quella albanese (504), seguita da quella romena e marocchina (330), cinese e georgiana. Il centro interculturale Incontrarsi a Sud offre uno sportello informativo e di orientamento, un centro di documentazione e percorsi di formazione e animazione. È attivo a Gioia (sede servizi sociali in via Arciprete Gatta 35 il lunedì dalle 15.30 alle 18 e il giovedì dalle 9.30 alle 12), a Casamassima (il primo e terzo giovedì del mese dalle 15.30 alle 18), Sammichele e Turi. È rivolto a stranieri ma anche a italiani interessati a migliorare le dinamiche di relazione e di lavoro con gli immigrati, agli operatori di servizi, a rappresentanti di enti e organizzazioni, a insegnanti e educatori.

È con le collettività immigrate che gli operatori di Incontrarsi a Sud hanno pensato e organizzato la Festa dei popoli 2013 in programma sabato 8 giugno dalle 18 a mezzanotte in Piazza Plebiscito a Gioia del Colle: una serata di festa e di vetrina per le collettività di immigrati ma anche per le associazioni "di" e "per" immigrati, con il patrocinio dell'Assessorato alle Politiche giovanili, cittadinanza sociale, sport, protezione civile e immigrazione della Regione Puglia.

Più di dieci pagode ospiteranno venti soggetti diversi (associazioni, organizzazioni e rappresentanze scolastiche). In vetrina non solo prodotti di artigianato ma anche autoproduzioni e campagne di sensibilizzazione e informazione. L'associazione PrimaVera Gioia proietta un video sulle condizioni di lavoro di una ambulante senegalese, realizzato durante la festa patronale di Gioia del Colle in onore di San Filippo Neri. In un altro stand, studenti e insegnanti del liceo scientifico "Canudo" e del liceo classico "Marone" mostrano video realizzati a compimento di un percorso di formazione sui diritti.

La festa si apre con l'intrattenimento dei più piccoli coinvolti dagli attivisti dell'associazione gioiese Arte in scatola in laboratori di giochi creativi e d'apprendimento interculturale. Il "mondo è piatto" è il titolo scelto dagli organizzatori per l'itinerario enogastronomico che prevede degustazioni di prodotti tipici.

Le performance musicali sono a tema e dedicate in particolare all'Albania. Il gruppo The Hope jubilee singers eseguirà brani spiritual, gospel e blues. La Municipale Balcanica fa esibire come special guest i musicisti albanesi Admir Shkurtaj e Meli Hajdaraj.

L'iniziativa è resa possibile grazie anche a: Micaela onlus, di Adelfia; Arci, Coop. Il Sogno di don Bosco, Intersos Puglia, Origens-Brasile e Missionari Comboniani, La Casa dei Ragazzi del Mondo, di Bari; Clan Fuoco Senza Barriere gruppo scout, di Cassano; Scuola Media Statale Resta e Counsellor.it network per l'evoluzione personale, di Turi; Anspi oratorio, Arci Lebowski, Arte in Scatola, Ombre, Polifonie, centro d'ascolto Caritas Dal Silenzio alla Parola, centro studi Erasmo, rappresentanti di comunità di Repubblica di Santo Domingo, Marocco, Senegal, Tunisia, Centro risorse interculturali del territorio, liceo classico Marone, liceo scientifico Canudo, Officine Fotografiche, Petali di Pietra, Presidio libera Boscia, PrimaVera Gioia, Wwf, di Gioia del Colle.